Naju 2002

"Il Signore vi dà un'altra opportunità di pentirvi..."

Messaggio del 3 gennaio, 2002

Per riparare almeno un po' per gli insulti che Gesù riceve, meditavo e pregavo sulle Stazioni della Via Crucis sulla Montagna della Beata Madre assieme con diversi aiutanti

Quando siamo giunti alla Seconda Stazione, uno degli aiutanti pregò: "...Gesù! E' diventato ormai troppo arduo per It has already been too hard for Giulia che soffre diverse pene giorno dopo giorno. Non è capace neanche di dormire per i dolori. Perché suda così molto per i dolori di notte, deve cambiare il pigiama otto o nove volte ciascuna notte. Gesù! Io desidero che lei possa avere almeno un po' di sonno senza soffrire." Quando sentii questa preghiera, subito pregai io: "Oh, Gesù! Per me questi sono dolori di gioia. Ogni vota che cambio il pigiama, io prego che tutto il brutto nelle anime nel mondo venga rimosso, e offro le mie pene come sacrifici e riparazioni. Queste sono pene che portano speranza. Sono Tua se vivo. Sono Tua se muoio. Usami come desideri, Signore; sia fatta la Tua Volontà". E allora sentii la amorosa voce della Beata Madre.

LA BEATA MADRE:

Sì, è così. Mia amabile piccola anima che trovi felicità anche nel soffrire dolori! Il tuo sonno è disturbato dal dovere cambiare la tua roba inzuppata di sudore, ma mio Figlio Gesù ed io siamo consolati nel tuo cuore che con generosità offre i dolori che soffri per l'intera notte come penitenza per i peccati che commettono i cercatori di godimenti, che si abbandonano in tutte le sorte di luride condotte di notte e di conseguenza ricorrono poi all'aborto, e in sacrifici e riparazioni per medicare il Sacro Cuore di mio Figlio Gesù ed il mio Immacolato Cuore che sono straziati.

Mia diletta figliola! I dolori che tu soffri sono grandissimi, perché ci vogliono anime che offrano sacrifici e riparazioni per salvare almeno qualche anima ancora, perché troppi figli nel mondo, uomini e donne, adulti e giovani, si danno ai godimenti, commettono luridi peccati, sprofondano così sempre più nel pantano del male, il laccio teso dai demoni, ne affogano, e diventano schiavi del peccato.

Mia amata figlia! I tuoi sacrifici e penitenze sono riparazioni per i luridi peccati, i peccati contro la castità che si commettono di notte, e aiuteranno le grazie del pentimento a scendere in quelli che commettono tali peccati. Perciò, offri i dolori che hai con grazia.

Mie piccole anime che cercate di partecipare nelle sofferenze della mia diletta figlia! Attraverso le preghiere, sacrifici e riparazioni che voi, che siete chiamati ad essere piccole anime, offrite piamente e uniti, nella gioia dell'unione con i Santi, il mio Immacolato Cuore trionferà con certezza.

Quando eravamo alla Dodicesima Stazione, il mio cuore cominciò a battere rapidamente, ed io sentii un dolore soffocante nel petto. Il dolore era così forte che quasi non potevo respirare. Incapace di muovermi, stringevo il petto con le mani e gemevo, giacendo a terra. In quel momento vidi (in visione) il soldato romano che squarciò il fianco a Gesù con la lancia per confermare la sua morte. Allo stesso momento sentii il grandissimo dolore di esser trafitta al fianco con la lancia. Poi, la Beata Madre continuò a parlare.

LA BEATA MADRE:

Mia diletta figlia! I luridi peccati che i figli nel mondo commettono cercando sempre di godere accadono ugualmente di giorno e di notte, che dà grande gioia ai demoni. I figli non sono in gradi di districarsi dalle illusioni che li fanno pensare che il male sia buono, e corrono verso morte eterna. Questo miserevole mondo ha infine raggiunto uno stadio spaventoso. Poveri figli! Se si confrontano con la morte senza pentirsi, solo il severo giudizio di Dio li aspetterà...

Però, avendo in mente che il Signore vi dà un'altra opportunità di pentirvi, perché tanto vi ama, rendete grazie ad ogni momento e non abbandonate neppure quelle anime che hanno ricevuto grazie ma se ne sono voltate e andate via. Invece, affrettatevi ad offrire preghiere, sacrifici e riparazioni più umilmente perché ritornino. In tal modo, ponete sempre le vostre vite nel Mistero Pasquale, cambiando le vostre vite in preghiera.

Tutti i miei amati figli nel mondo! Tutti gli uomini hanno la morte per destino per via del peccato di Adamo, ma se anche i più cattivi peccatori aprono del tutto le porte dei loro cuori, si pentono, vengono (al Signore e a me) accusandosi dei loro peccati, e chiedendo il perdono, non saranno loro poste alcune domande sul loro passato e saranno benedetti. Otterranno l'Albero dell'Eterna Vita grazie a mio Figlio Gesù Cristo e canteranno nella gloria del Signore al convito celeste pieni di gioia, amore e pace.

Giulia Kim
Naju, Korea




Copyright © 2002, Mary's Touch By Mail. All rights reserved.